QBUZZ

Network Marketing: uno schema piramidale?

Il network marketing è uno schema piramidale?

Quando si parla di network marketing, il termine schema piramidale viene fuori di continuo. Qual è la ragione di questo? I networker sono ancora confrontati con questo confronto, specialmente quando si avvicinano a nuovi partner o nell’ambiente personale. Ma il paragone è fallace, perché le differenze sono più che chiare.

Rispondiamo chiaramente in anticipo: No, il network marketing non ha niente a che vedere con uno schema piramidale. La spiegazione o la prova è molto semplice:

Nel network marketing si vendono prodotti. Non in uno schema piramidale. Questo significa semplicemente che in uno schema piramidale non c’è considerazione o valore per un pagamento effettuato. Con il network marketing, invece, ha luogo una regolare transazione commerciale.

Perché la gente continua a confondersi?

Con un’azienda di network marketing, le persone comprano i prodotti direttamente dall’azienda, e li usano loro stessi. Se sono convinti dei prodotti, possono anche venderli loro stessi. Questo significa che diventano rappresentanti indipendenti dell’azienda. Questa professione è anche meglio conosciuta con il termine rappresentante di vendita. Una professione consolidata da tempo. Come rappresentanti, guadagnano una commissione per ogni vendita. Se uno dei propri clienti decide a sua volta di vendere anche i prodotti, cioè di diventare anche un rappresentante, si crea una struttura. Un rappresentante ha praticamente assunto lui stesso un altro rappresentante! Questo è il motivo per cui il network marketing è anche chiamato vendite strutturali. In questo esempio, due rappresentanti di vendita ricevono una commissione di vendita.

Struttura di una distribuzione di network marketing

Una distribuzione di network marketing non è in linea di principio diversa da qualsiasi altra distribuzione. Solo che le denominazioni possono essere leggermente diverse. In un normale reparto vendite c’è, per esempio, un responsabile delle vendite. I manager regionali sono subordinati a lui, e i manager locali ecc. sono subordinati a loro. Non è raro nelle aziende normali che i rispettivi manager guadagnino una commissione sulle vendite dei loro manager, regioni o venditori subordinati.

In una società di network marketing, questa struttura è di solito divisa in livelli:

– Il livello 1riceve la propria commissione e le commissioni dei livelli 2, 3 e 4.

– Il livello 2 riceve la propria commissione e le commissioni dei livelli 3 e 4.

– Il livello 3 riceve le proprie commissioni e quelle del livello 4.

Questa struttura non è diversa da una struttura di vendita ordinaria: il livello 1 è il direttore delle vendite, il livello 2 il country manager, il livello 3 il regional manager e il livello 4 il manager locale. Poiché questa struttura crea naturalmente una struttura piramidale, il network marketing è spesso confuso erroneamente con i sistemi piramidali.

Struttura dell'organizzazione di vendita

Cosa caratterizza una distribuzione di network marketing?

Come in ogni azienda, probabilmente tutti quelli che lavorano nelle vendite vogliono essere manager delle vendite! Mentre nella maggior parte delle aziende c’è di solito solo un responsabile delle vendite, nel network marketing praticamente chiunque può diventare un responsabile delle vendite. Il modo per diventare un manager delle vendite è semplice: si costruisce la propria struttura, cioè il proprio reparto vendite. Questa è la cosiddetta downline. Questo viene fatto non solo vendendo i prodotti da soli, ma reclutando persone che diventeranno anch’esse venditori, o meglio rappresentanti.

Costruendo la propria downline, non solo si diventa il responsabile delle vendite della propria forza di vendita, ma c’è un altro effetto che rende il network marketing una professione unica:il reddito passivo.

Cos’è il reddito passivo?

Il reddito passivo arriva automaticamente quando si costruisce una downline. Ogni volta che c’è una vendita nella tua downline, tu guadagni una commissione. È passivo perché non devi fare nulla per ottenerlo! Meglio formulato: il reddito nasce senza che tu ti sia venduto.

Se costruisci una downline relativamente grande, alla fine guadagnerai così tanto reddito passivo che – a seconda delle dimensioni della downline – non avrai più bisogno di vendere te stesso. L’attività si trasforma allora in una sorta di posizione manageriale, perché si tratta allora di gestire la propria downline. Pertanto, è il desiderio di ogni networker di costruire una downline il più grande possibile per generare un reddito passivo corrispondente.

Il fatto è però che i prodotti vengono sempre venduti o il denaro scambiato con le merci. Questa è una caratteristica distintiva essenziale, perché in un sistema piramidale o a palla di neve, come ho detto, non si vendono beni.

Cosa caratterizza uno schema piramidale?

Gli schemi piramidali sono costruiti sullo stesso principio di qualsiasi altra distribuzione. Tuttavia, qui non si scambiano merci. Questo significa che l’intera organizzazione o struttura è finanziata dal denaro portato dai nuovi membri. Per dirla più precisamente: le commissioni sono pagate con i soldi che i nuovi membri versano. Questo a sua volta significa che nuovi membri devono essere reclutati permanentemente per mantenere il sistema in funzione.

Non viene creato alcun valore o generato alcun reddito, dato che l’azienda praticamente si limita a raccogliere e distribuire denaro. A differenza del network marketing, dove l’obiettivo è quello di costruire una base di clienti il più grande possibile per poi vendere prodotti a lungo termine, gli schemi piramidali servono solo a far entrare più persone possibili nel sistema per ricevere soldi da loro senza nulla in cambio. Le commissioni sono poi pagate da questo denaro fresco. Nell’industria, questo è spesso chiamato una taglia.

Perché il confronto network marketing – schema piramidale zoppica?

I conoscitori dell’industria, gli esperti, e naturalmente ogni networker scuote la testa quando ancora una volta un giornalista zelante da qualche parte chiama una compagnia di rete uno schema piramidale. La stessa reazione si presenta quando ci si confronta di nuovo con questo argomento nella propria cerchia di conoscenti o in conversazioni con persone interessate.

La reazione è comprensibile, ma a questo punto bisogna chiarire: ci sono ovviamente aziende che si spacciano per aziende di network marketing e vendono anche prodotti. Tuttavia, permettono così tanti livelli nelle loro vendite che ad un certo punto 50€ di commissione maturano per un prodotto da 10€. Naturalmente, questo non può funzionare. Queste aziende sono un ibrido: da un lato sono aziende di rete che vendono prodotti, ma dall’altro sono sistemi piramidali, poiché non possono più pagare le commissioni dalle entrate guadagnate una volta raggiunto un certo spessore di vendite. Tali sistemi, come quelli piramidali, sono destinati a fallire.

Prof. Dr. Florian Kraus,che conduce uno studio annuale sulle vendite dirette per conto della BDD(Bundesverband Direktvertrieb Deutschland – Associazione tedesca delle vendite dirette). conferma che ci sono pecore nere nel settore, come in ogni settore. Tuttavia, il paragone delle società di rete con gli schemi piramidali è problematico, poiché il network marketing è una forma di distribuzione completamente legittima e legale. A proposito, questo è già stato confermato da innumerevoli sentenze di tribunali. Gli schemi piramidali, d’altra parte, sono vietato dalla legge en Germania.

In effetti, la ragione principale della confusione permanente dei fatti è il fatto che i distributori di network marketing hanno una struttura piramidale. Una gerarchia piramidale non è niente di male in sé e si può trovare in quasi tutte le aziende. Per il resto, però, i due sistemi differiscono in molti aspetti.

A cosa fare attenzione

Bisogna prestare attenzione a due fattori chiave:

1. non ci sono prodotti.

2. ci sono prodotti, ma la profondità del livello è molto grande. Questo significa che i prodotti sono sproporzionatamente costosi in confronto.

Mentre il primo caso è ovvio, il secondo è più difficile. Qui, un’occhiata al piano di compensazione o piano di commissioni aiuterà. Se ci sono troppi livelli, c’è il rischio che i prodotti siano così costosi da non offrire più un valore reale. Qui, per esempio, un tubo di crema per la pelle a 800 euro. Tali prezzi sono causati dal fatto che devono essere forniti troppi livelli. In questi casi, non si tratta necessariamente di uno schema piramidale, ma dovrebbe scattare un segnale d’allarme.

Un’altra indicazione per le aziende serie sono i corsi di formazione e l’istruzione offerti dall’azienda. Anche se tali offerte sono di solito associate a dei costi, questo è un’indicazione di serietà. Dopotutto, bisogna ricordare che le aziende devono comprare da sole i fornitori di servizi o i sistemi di formazione, e il fatto che passino i costi è legittimo. È anche cruciale qui che tali corsi di formazione mirano a insegnare alle persone non solo le tecniche di vendita ecc., ma si concentrano in particolare sullo sviluppo personale, il cosiddetto sviluppo della personalità. Questo include, per esempio, un’ampia offerta di coaching.

Conclusione

Quindi la distinzione è relativamente semplice. Naturalmente, solo se si conoscono i fatti! Perché l’industria è costantemente attaccata è un’altra questione. Sicuramente anche perché molte persone entrano nella rete e poi credono di guadagnare i soldi velocemente. Se poi il successo non si concretizza, la nozione di schema piramidale viene rapidamente portata avanti. Essere un networker significa costruire un lavoro autonomo. Questo richiede tempo e dipende soprattutto dall’impegno portato.

Fatevi la seguente domanda: se un concessionario d’auto vi invitasse a testare i suoi nuovi modelli nel fine settimana nel contesto di un barbecue comune, vi unireste?

Se il concessionario ti offrisse di organizzare un barbecue in occasione di questo evento, dove puoi presentare i nuovi modelli ai tuoi amici e agli altri ospiti, parteciperesti? Naturalmente, in caso di vendita, riceverete una commissione.

In altre parole, sospetterebbe uno schema piramidale qui?

Il network marketing esiste da centinaia di anni e molte società internazionali usano questa forma di distribuzione. Sfortunatamente, ci sono sempre pecore nere nell’industria della rete. Come in ogni industria. Questo è anche il caso dei media, che amano presentare l’uno o l’altro fatto in modo distorto per ricavarne una buona storia. Così facendo, spesso fanno essi stessi del network marketing: pagano dei giornalisti indipendenti per consegnare loro degli articoli. Non è raro che questi giornalisti incarichino poi altri giornalisti di consegnare un articolo.

Questo è il network marketing al suo meglio!

Se sei interessato a diventare un networker, è meglio entrare in contatto con persone che già lavorano in questo settore e ascoltare le loro esperienze. Quando si leggono testimonianze su internet, assicurarsi sempre che provengano da persone reali, per esempio con un’email o un profilo sui social media. Non lasciatevi dissuadere dal vostro piano solo perché qualcuno vi parla dei pericoli di uno schema piramidale! Tuttavia, sii accurato e diligente nella tua ricerca. Le aziende rispettabili offrono un contatto senza impegno e informazioni iniziali. Approfittate di queste offerte!

Alla fine, resta da dire che non c’è quasi nessuna professione dove si può costruire un reddito solido in un tempo relativamente breve. In tempi in cui la maggior parte degli stipendi sono sotto i 2.000 euro e gli affitti spesso consumano il 50% del reddito, è un’opzione piuttosto interessante!

Volete saperne di più?

Se vuoi saperne di più sulle possibilità del Network Marketing, controlla il nostro Programma My Startupo contattaci! Siamo sempre a vostra disposizione.

La tua persona di contatto Carolin Müller non vede l’ora di sentirti!

Telefono: +49 (0)6251 98 91 640

Email: eu.support[at]qneurope.com

Carolin Müller